Seleziona una pagina

Grounding e sintonia

Il valore della sintonizzazione genitore bambino per la costruzione del Grounding

In questo articolo verrà esposto un sunto della relazione presentata dal prof. George Downing* alla 22esima Conferenza Internazionale dell’istituto Internazionale di Bioenergetica (IIBA), svoltasi a Palermo dal 29 maggio al 2 giugno. George Downing ha presentato nella sua esposizione una lettura della relazione precoce genitori figli, con un accento particolare all’aspetto corporeo.

La sincronizzazione corporea

Il Body Attunement, è la sincronizzazione corpo a corpo tra madre e figlio nel” touch universe” l’universo della tattilità. Dalle parole di Downing: “Occorre un concetto di contatto fisico inteso come un ambito che richiede apprendimento e perizia per insegnare al corpo ad interagire”.

nascereL’interazione umana è, sottolinea il relatore,  essenzialmente corporea: occhi, bocca, movimenti della testa e del corpo, braccia, gambe, piedi e mani. Con l’esperienza il bambino crea nella memoria un modello per le interazioni che rende prevedibile il mondo e le previsioni stesse. Inizia, quindi, a strutturare delle piccole pratiche corporee  per stare nel mondo.

Dal “vis a vis” al “corpo a corpo”

Nel lavoro di Downing con la tecnica del video viene considerato tutto il corpo….non solo il vis a vis, per aiutare la madre, ed anche il padre quando coinvolto, ad avere dei micro-scambi con il bambino che permettano di raggiungere una buona sintonia. La reciprocità dello sguardo ha un’importanza fondamentale, ricorda il relatore riferendosi agli studi della Ainsworth negli anni 70 e di Stern e Tronick sullo scambio ritmico negli anni 80. Ma come possiamo trascurare il contatto corporeo su cui si basa l’esperienza della costruzione del Grounding?

Attunement e Grounding

La sincronizzazione prevede di lasciare che il bambino abiti il proprio corpo ed il proprio ritmo. Questo processo permette di costruire il Grounding come radicamento nel proprio corpo, nella propria realtà, nell’interazione. Da qui il concetto di Micro-Grounding: radicamento nella relazione. Secondo Downing il processo di Attunement o sintonizzazione è più importante del “faccia a faccia” nelle fasi di costruzione del Grounding,  fino al 16esimo mese di vita del bambino. Dopo i 16 mesi, con lo sviluppo dei processi cognitivi, assistiamo ad un decrescere dell’importanza della sintonizzazione sul piano quantintativo mentre resta importante per tutta la vita sul piano qualitativo.

Grounding e attaccamento sicuro

attachment-parentingIncrementare la sensibilità dei genitori ai segnali del bambino vuol dire incrementare l’attaccamento sicuro e decrementare la disorganizzazione, prevenendo i comportamenti disorganizzati dei genitori quali invasione e non sintonizzazione. In un video mostrato dal relatore era visibile, con l’analisi dei micro movimenti, la relazione tra una madre con disturbi psichiatrici ed il suo bambino, ed è stato possibile vedere le reazioni difensive di un piccolo di pochi mesi alla carenza della capacità di sintonizzazione corporea della madre. Sconvolgente come “un corpicino così piccolo sia già attrezzato sotto il profilo fisico e motorio, per la reciproca interattività” (Downing, 1995). Il bambino attivava movimenti di evitamento sottili, impercettibili ad una prima visione del video, per difendersi da una carenza di sintonizzazione. Le microanalisi svelano questa incredibile reciprocità nella relazione e permettono di accorgersi di “ciò che manca”, aprendo così una strada al genitore verso una nuova modulazione.

La terapia di video intervento (VIT)

Downing usa il lavoro con i video nella terapia con i genitori con disturbi mentali o ad alto rischio di familiarità, esteso ai bambini, alla famiglia, agli adolescenti. Questo tipo di intervento è un mezzo rapido e basato sull’evidenza per portare il cambiamento nelle relazioni. Il video è fatto con due o più persone che vengono riprese mentre interagiscono tra loro. Poi una (o più) di queste persone osserva gli elementi del video assieme al terapista. Si riflette su quello che viene visto e vengono considerate le possibilità di cambiamento. Poiché ci si  focalizza su specifici schemi di interazione, questo lavoro può diventare rapidamente concreto e produttivo e permette di attivare cambiamenti evolutivi per la costruzione di un Grounding sicuro. Dal buon funzionamento di queste interazioni dipende quindi lo sviluppo sano del bambino e delle modalità del suo stare nel mondo, che si sviluppano nei primi mesi di vita e lo accompagnano per tutto il resto della vita.

*George Downing

George Downing, Ph. D., lavora a Parigi come psicologo e supervisore per una unità di psichiatria infantile presso l’Ospedale Salpetrière, dove sta elaborando un programma di cura per bambini e per i loro genitori che combina terapia verbale, tecniche corporee e analisi delle registrazioni audiovisive. E’ inoltre docente di psicologia clinica all’ Università di Klagenfurt, Austria, e consulente scientifico dell’ Istituto di Psichiatria per l’infanzia dell’ Università die Heidelberg, Germania. E’ autore de “Il corpo e la parola” e di numerosi articoli.

a cura di Silvana Nozzolillo

Share This

Condividere questo articolo?