Seleziona una pagina

Che cosa sta iniziando ora? Che cosa finisce ora? Amiamo essere consapevoli della continuità d’esistenza eppure, anche semplicemente nel nostro respiro, qualcosa emerge, qualcosa finisce. Qualcosa di nuovo sta iniziando e qualcosa sta finendo nella nostra vita.

Per contrastare questo cambiamento non controllato creiamo molte tensioni, molti aggrappamenti, molti sforzi. Come se sapessimo che è meglio ciò che c’è già di quello che sta arrivando. Che è meglio ciò che vogliamo noi di quello che accade senza volerlo. In realtà non lo sappiamo: è solo un vuoto di fiducia che ci fa trattenere nel passato, nel conosciuto. È un vuoto di fiducia che ci spinge al controllo.

Ci spinge verso il rimanere e fa sobbalzare il cuore ogni volta che arriva un imprevisto. Ogni volta che qualcosa sfugge al nostro controllo. A volte sostituiamo questa mancanza di fiducia ripetendoci, quasi come un mantra, “Andrà tutto bene”. Ma quella non è fiducia è scaramanzia.

La fiducia è quella che ci fa incontrare lo sconosciuto con consapevolezza e accettazione. La fiducia è quella che non ci fa reprimere per avere una vita alla perfezione ma ci fa aprire all’esperienza in corso. La fiducia è quella che sostituisce la possibilità alla sicurezza e l’interesse all’illusione. La fiducia apre porte che la certezza lascia sbarrate e coglie, sotto l’apparente girare a vuoto, la ricchezza del divenire, del permettere, del lasciar essere.

In questo preciso istante invitate voi stessi a entrare nel momento senza nulla da portare a termine, senza dover essere qualcuno di speciale o dover raggiungere qualcosa. Invitate voi stessi a lasciar cadere il peso del costante sforzo di controllare le cose. Gregory Kramer

Pratica di mindfulness: Centering meditation

© Nicoletta Cinotti 2017 Risolversi a cominciare Foto di ©Nespyxel

Condividere questo articolo?