Noi che lavoriamo in Reparto 77, col tempo, ci abituiamo a qualsiasi stranezza.
Alla puzza di piedi e d’orina, alle piastrelle rotte, alle porte sfondate, alle urla, alle maledizioni,
ai medici e agli infermieri che si spintonano dandosi del tu, ai pazienti legati al letto.
Per i pazienti che entrano, invece, è sempre la prima volta.
Per questo ci guardano con occhi sgranati di meraviglia, qualsiasi cosa facciamo.

Filippo, non trovi le parole per spiegarmi cosa ti succede
e mi guardi con rabbia, attesa e rincrescimento,
io, non trovo le parole per spiegarmi cosa ti succede,
e non trovo le parole per tranquillizzarti.
Filippo, sinceramente,
tu sei qui, io sono qui,
stiamo andando benissimo.

© Paolo Milone, L’arte di legare le persone

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!