Apparentemente le persone accondiscendenti sono socievoli e disponibili, poco propense al conflitto. È piacevole stare con loro perché rendono le cose facili e sono accomodanti. Ma quello che fanno a sé stesse non è tanto simpatico e potremmo riassumerlo con due movimenti: da una parte si dissociano dalla rabbia che provano e la infilano nel posto più lontano che hanno. Un luogo interiore dove c’è una specie di magazzino di tutti i “no” che non hanno mai detto. Dall’altra mostrano la loro socievolezza al mondo ma è una socievolezza che non può avere profondità, altrimenti rischierebbero di far tornar fuori la rabbia accumulata.

Questi due movimenti hanno un costo: è faticoso allontanare sempre le proprie ragioni per metterle in cantina. È faticoso dare sempre una disponibilità al contatto anche quando non ne avremmo davvero voglia. Dobbiamo rendere il nostro contatto un po’ sfumato e ovattato perché vada bene per tutte le occasioni. Potremmo credere che questa sia accettazione ma non è accettazione: è costringersi all’accettazione, negando il diritto di sentire e  riconoscere quello che proviamo davvero.

Poi c’è il fattore tempo: perché tutto questo è come una bomba ad orologeria e prima o poi, magari per una ragione imprevista, tutto quello che era stato dissociato torna fuori ed esplode. E allora son dolori. Dolori per tutti. Per chi è stato accondiscendente e per chi credeva che fosse tutto a posto. Dolori anche per chi passava casualmente da lì. In una parola, quello che sembra facile, a volte non è davvero facile, a meno che tu non sia un cane…

Se puoi rimanere seduto tranquillo di fronte ad una cattiva notizia; se rimani perfettamente calmo nelle sorti finanziarie avverse; se puoi guardare ai meravigliosi viaggi dei tuoi vicini senza nemmeno una sfumatura di gelosia; se puoi mangiare felice tutto quello che ti viene messo nel piatto e trovare sempre soddisfazione per dove ti trovi: allora, probabilmente sei un cane. Jack Kornfield citato Chris Germer

Pratica di mindfulness: Esplorare rifiuto e accettazione

© Nicoletta Cinotti 2021 Il protocollo MBCT

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!