Quando volete abbracciare una persona, dovete prepararvi, respirando tre volte, per essere al vostro meglio: Inspirando, mi calmo: Espirando,sorrido. . .. .A questo punto, sarete tornati pienamente in contatto con voi stessi, vivi e presenti, e quindi sarete qualificati per l’abbraccio. Congiungete le mani verso la persona – coniuge, figlio – e l’altra persona saprà che volete abbracciarla, e per questo dovrà smettere di pensare, di fare progetti, di perdersi nel passato o nel futuro, e si preparerà a rispondere alla vostra richiesta. Qualsiasi cosa stia facendo, dovrà smettere per poter praticare: Inspirando, mi calmo. Espirando, sorrido.

Con ciò sarà presente e viva, e allora l’abbraccio potrà cominciare.Quando tenete l’altra persona tra le braccia, respirate profondamente. Inspirando, è viva tra le mie braccia. Espirando, sono così felice.

Dovete farlo per lo meno tre volte.Poiché le persone sono entrambe vive e presenti, l’abbraccio è molto profondo. Se non avete mai abbracciato la persona che amate in questo modo, penso che dovreste provarci, altrimenti un giorno potreste rimpiangere di non averlo fatto.

Meditazione dell’abbraccio Thich Nhat Hanh

Inviato da Anna Maria Palma

Foto di ©falù

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!