Se c’è una cosa che succede, quando ci alziamo, è che tendiamo a riprendere i consueti modi di essere tesi.Non è detto che lo facciamo pensando ai nostri guai (anche se a volte lo facciamo proprio così). Lo facciamo spesso riprendendo le contrazioni muscolari croniche, quelle che abbiamo imparato in tutta la vita.

Per questo la pratica della mattina è così importante: perché ci permette di cogliere il sorgere della tensione e scioglierlo prima che diventi silenzioso. Perché la tensione, quando è cronica, è silenziosa. Non la percepisci più ma cambia il tuo modo di percepire il mondo. Così, sciogliendo e rilassando il corpo on facciamo solo qualcosa che ci fa bene: facciamo anche qualcosa che ci fa vedere le cose diversamente.

A proposito del vedere le cose diversamente, non prendere sul serio i primi pensieri che hai al risveglio. Per svegliarci le nostre surrenali secernono un picco di adrenalina. L’effetto è che l’adrenalina aumenta l’ansia e quindi arriva una serie, più o meno ordinata, dei nostri pensieri più ansiosi. Cosa fare? Alzati e rilassati!

La tensione non è serenità, perché non abbiamo punti di riferimento rispetto alla tranquillità reale. Uno sfondo di tensione oscura i dettagli della nostra esperienza, separandoci gli uni dagli altri e da noi stessi. Gregory Kramer

Pratica del giorno: la classe della mattina

© Nicoletta Cinotti 2017 4 settimane per la creatività

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!