La parte superiore del corpo si identifica con la coscienza e con l’ego e la parte inferiore con l’inconscio e la sessualità. Nella mitologia il diaframma è paragonato alla superficie della terra. Sotto il diaframma ci sono le regioni sotterranee, l’abitacolo delle forze oscure, le passioni che non sono completamente sottoposte al controllo razionale della mente. I sentimenti della parte superiore del corpo sono più vicini e pertanto più soggetti all’autorità dell’ego. Queste idee mitologiche o primitive possono sembrare strane al sofisticato pensiero moderno ma dobbiamo riconoscere che si basano su dati soggettivi cioè sul sentimento e la percezione di sè. Scartando tali dati la scienza ha favorito la spaccatura tra pensiero e sentimento, l’ego e il corpo, l’uomo e la natura.

Una visione onnicomprensiva della vita richiede l’integrazione di dati obiettivi e soggettivi, di fenomeni consci e inconsci, di conoscenza e comprensione. Una terapia totale riguarda simultaneamente psiche e soma. Per abbracciare interamente l’individuo procede in due direzioni: da terra in su e dalla testa in giù. Analisi dall’atto – come dice Sandor Ferenczi – e analisi dal basso. Alexander Lowen

Dimorare nel presente, dimorare nel corpo. Gruppo di Bioenergetica e Mindfulness 28 – 29 Gennaio 2017, Genova

© www.nicolettacinotti.net

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!