Quando coltiviamo la consapevolezza e la radichiamo nel corpo, ci apriamo ad un’ampia varietà di sensazioni. Possiamo diventare consapevoli di aspetti corporei mai percepiti prima, possiamo sentire un radicamento nuovo.

E da questo grounding possiamo iniziare ad aprire la nostra consapevolezza a ciò che ci circonda: ai suoni, al mondo circostante così come lo vediamo, alla presenza degli altri.

Con questa consapevolezza possiamo aprire noi stessi alla reciprocità.

Perché meditare non vuol dire essere soli ma essere aperti.

Essere aperti alla realtà della nostra connessione.

Con gli altri.

Con il mondo.

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!