il colore del silenzio

 

Abbiamo bisogno di un luogo in cui portare tutti noi stessi, anziché frammenti di noi; quei frammenti che pensiamo siano più accettabili o accettati.

Quel luogo non è un luogo fisico ma un luogo relazionale e avviene nello spazio dell’ascolto.

Quando questo accade, la relazione diventa una pratica di consapevolezza.

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!