Uno degli aspetti più innovativi e controintuitivi della pratica di mindfulness è l’idea che il cambiamento passi attraverso l’accettazione delle cambiare attraverso l'accettazionecose così come sono.

E’ una idea che spesso suscita forti reazioni: quando stiamo male, quando abbiamo una grossa difficoltà, l’idea di accettare ci sembra inconcepibile e scandalosa.

L’accettazione di cui si parla però non è affatto il lasciare le cose così come sono, supinamente. E’ piuttosto l’accettazione che nasce dalla conoscenza delle cose in profondità, imparando a distinguere tra ciò che può essere cambiato e ciò che invece è necessario accettare.

All’inizio degli incontri, nei gruppi di Alcolisti Anonimi, viene recitata una preghiera in cui si chiede il coraggio di cambiare ciò che è possibile cambiare, la grazia di accettare ciò che non è possibile cambiare e la saggezza di distinguere tra le due cose.

Ecco, l’accettazione della mindfulness è proprio questo: distinguere tra ciò che è possibile cambiare e quello che invece è impossibile cambiare e la saggezza di distinguere tra le due cose. Con una piccola aggiunta che nasce dal riconoscere che non tutto dipende da noi, anche quando il nostro senso di colpa ingigantisce i confini del mondo.

Il mondo di rugiada, solo un mondo di rugiada, eppure…Haiku di Issa

Pratica di mindfulness: La consapevolezza del respiro

Foto di ©enzoc. e ©Giorgio___

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!