Quasi tutti abbiamo sperimentato la gioia di essere innamorati in qualche momento della nostra vita. Di una persona o di un progetto. O di entrambi.

Questa è fonte di gioia ma può essere anche fonte di sofferenza, quando l’amore che proviamo è rifiutato o perduto. E’ comprensibile questa sofferenza, è come se sentissimo minacciato il legame con la vita, dato che l’amore è apertura ed espansione di sé fino ad includere il mondo. La perdita dell’amore sfocia in una contrazione e chiusura dolorose quanto l’amore era felicità, perché sperimentiamo paura ad aprirci di nuovo.

chiaviQui sta la chiave di volta: impedendoci di amare di nuovo, prolunghiamo la sofferenza del rifiuto e “chiudiamo la stalla quando i buoi sono scappati”.

Inutile armarsi dopo essere stati feriti, avventuriamoci con consapevolezza nelle strade della relazione. Con le chiavi antiche del grounding, allegria, attenzione, consapevolezza e un pizzico di saggezza abbiamo gli ingredienti per una ricetta moderna!

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!