Il fiume non trattiene l’acqua che gli scorre dentro. Mark Nepo

Nel nostro viaggio attraverso il tempo, non cessiamo mai di interrogarci su cosa sia il caso di portarci dietro e cos’altro lasciarci alle spalle. È così difficile, a volte, buttar via qualcosa, eppure, se non lo facciamo, rischiamo di finire schiacciati sotto un peso di cui soltanto noi siamo responsabili.

Il fiume è un ottimo modello da seguire: non reclama il possesso dell’acqua che gli scorre dentro, anche se nulla è più intimo del suo rapporto con essa, visto che è proprio la forza dell’acqua a plasmare le sue rive. Lo stesso accade con tutte le cose che amiamo: non ha senso cercare di trattenere le cose che contano davvero, quelle più profonde, poiché sono loro ad averci plasmato.

Lo scopo del ricordo, quindi, è di liberare le potenti emozioni che giacciono sopite dentro di noi. A volte i libri, le cartoline, le conchiglie e i fiori seccati riescono a farlo. Ma spesso ci portiamo dietro più del necessario, perché stentiamo a credere che ciò che questi piccoli tesori rappresentano stia già vivendo dentro di noi. Il regalo più utile che possiamo fare a noi stessi è lasciare che la nostra vita si dispieghi, aperta e mutevole, come un fiume.

Mark Nepo per la Rubrica “Addomesticare pensieri selvatici” www.nicolettacinotti.net

Photo by Linda Wilson on Unsplash

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!