ostinazione o determinazione?Tutti noi sappiamo quanto sia importante riuscire ad portare a termine un impegno. Essere in grado di seguire fino alla fine una responsabilità.

Conosciamo anche la diversa qualità che c’è tra la determinazione – che ci consente di portare a termine ciò che abbiamo iniziato – e l’ostinazione.

La determinazione è salutare tanto quanto l’ostinazione può risultare distruttiva.

Quello che trasforma la determinazione in ostinazione è la paura: ci aggrappiamo e tratteniamo per paura, trasformando così l’impegno in uno sforzo insensato.

Questa trasformazione avviene ogni volta che entra in scena la paura: un sentimento capace di farci aggrappare anche alle cose più assurde. Capace di farci tenere anche quando dovremmo lasciar andare. Di farci combattere anche quando sarebbe più salutare lasciar perdere.

Lasciar andare richiede una determinazione saggia. Tenere e sforzarsi è la forza della paura.

Possiamo riconoscere i segni della paura tutte le volte che tratteniamo qualcosa che avrebbe bisogno di fluire, di scendere. Un’azione che – alla lunga – può portarci ad una ostinata immobilità.

Siamo aggrappati ad una illusione di successo che ci spinge ad andare sempre più in alto(…) sembriamo terrorizzati dall’idea della discesa. Saggezza è riconoscere che ciò che va in alto prima o poi scenderà. Alexander Lowen

Pratica del giorno: Il panorama della mente

© Nicoletta Cinotti 2014 Mindfulness e bioenergetica

 

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!