Dichiarare pace al nostro respiro

respiroLe tensioni che limitano la nostra respirazione hanno un effetto sul corpo come sulla mente.

Un respiro contratto, accorciato, limitato non può permetterci di avere uno sguardo ampio sulla nostra vita, sul panorama interiore ed esteriore.

Nello stesso tempo passare all’idea di migliorare il nostro respiro è un atto di ostilità verso se stessi. Un altro modo per dichiarare guerra a come siamo, dicendoci che dobbiamo migliorare.

Il nostro respiro non ha bisogno di essere migliorato: il nostro respiro ha bisogno di essere conosciuto, per esistere con libertà nella nostra consapevolezza.

Pratica del giorno: La consapevolezza del respiro

Le tensioni muscolari croniche nelle diverse parti del corpo sono una prigione che impedisce la libera espressione della nostra spiritualità. Alexander Lowen

© Nicoletta Cinotti 2014  Ammorbidire il cuore

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!