Le emozioni sono come il pane: fatte fresche ogni giorno, ogni momento. Eppure, molte volte, ne parliamo come se fossero oggetti solidi e costanti. Accade perché alcune emozioni hanno dato forma alla nostra personalità: così, quando arrivano, ne riconosciamo subito l’odore acre o dolce dell’infanzia e della crescita. È qui che il sentimento di fondo fa la differenza: se abbiamo avuto tanta paura, sofferto di tanta gelosia o vergogna, abbiamo imparato anche ad evitare le situazioni che possono suscitarle di nuovo. E facendolo ci siamo opposti proprio a ciò di cui avevamo più bisogno: il contatto

E’ la qualità del contatto che si ammala con certe emozioni: con la paura o la vergogna abbiamo bisogno di stare lontano. Con l’invidia e la gelosia avvicinarci aumenta l’avidità: e diventiamo ladri dell’anima altrui.

La quantità e la qualità di contatto che abbiamo disegna il punto in cui nascono le emozioni: se stiamo troppo lontani aumenta il senso di esiste la giusta distanza?solitudine ed isolamento. Se andiamo troppo vicino può crescere la confusione o l’avidità. Pensare alle emozioni in relazione alla qualità del contatto ci permette di comprendere come la distanza non sia un elemento marginale. È piuttosto ciò che regola l’emergere di alcune sensazioni e ne sopprime altre.

Così, distanti, possiamo provare nostalgia ma anche l’ebrezza della libertà. Paura della solitudine o il formarsi della nostra individualità. Nessuna emozione, privata del senso della distanza, può essere veramente compresa. Distanza non vuol dire lontananza: è piuttosto la misura del contatto e regola la qualità del flusso emotivo.

A volte sostituiamo il senso della distanza con il senso dei confini, rafforzando così l’idea che si sia – tra noi – separati. Ma è l’andare troppo vicini che ci rende invadenti. È l’andare vicini che fa emergere emozioni che non riusciamo a contenere. La distanza è come il gambo per il fiore. Può dargli eleganza o togliergliela. Spesso vediamo il fiore, l’emozione che sboccia, e ci dimentichiamo di guardare allo stelo: nessun fiore nasce privato della forza del suo stelo.

La forza che urgendo nel verde càlamo guida il fiore,

guida la mia verde età; quell’impeto che squassa le radici degli alberi

è per me distruzione. Dylan Thomas tradotto da Eugenio Montale

Pratica del giorno: La meditazione della montagna

© Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©smokedval e ©www.michelenespoli.it

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!