Siamo abituati a pensare che se premiamo un interruttore si accende la luce, se accendiamo il computer compare un programma. Nel nostro mondo la maggior parte delle azioni corrisponde ad una conseguenza prevista e attesa. È così in quasi tutto tranne che dove vorremmo davvero che succedesse ossia nelle relazioni affettive.

È per questo che quando accade qualcosa di imprevisto e non considerato rimaniamo sorpresi e l’unica strada che percorriamo è quella della ricerca dell’errore. O nostro o dell’altro. In questa strada abbiamo come compagni di viaggio biasimo e disapprovazione. Nei nostri confronti o nei confronti dell’altro. Ho visto coppie in crisi trattarsi con un biasimo così inequivocabile che non lasciava altra soluzione che lasciarsi. Usiamo queste due emozioni oscuranti – il biasimo e la disapprovazione – come se indicassero la via per la soluzione dell’errore. invece sono emozioni che tagliamo la nostra autostima che fanno mergere un vecchio senso di vergogna e/o inadeguatezza e che convincono che l’unica soluzione sia abbandonare la ricerca di una alternativa.

Forse dovremmo darci un punto di partenza – semplice ma non banale – le cose succedono. Non siamo il motore di tutto. In ogni evento ci sono molte con-cause e le cose accadono anche indipendentemente dalla nostra volontà. Perchè dietro il tormento dell’errore c’è una visione esageratamente narcisistica che ritiene che tutto dipenda da un singolo attore (o al massimo due). Non è così: le persone non hanno interruttori che ci garantiscano con certezza che se ci comportiamo in un certo modo otterremo un certo risultato. Non abbiamo il controllo sugli eventi: possiamo solo disporre le cose nel modo che riteniamo opportuno. È come apparecchiare al ristorante: la tavola bella dispone gli occhi al cibo ma non saremo mai certi del risultato finale se npn quando i clienti se ne saranno andati a casa. È allora, ognuno dentro di sé, potrà dire se ne è valsa la pena.

© Nicoletta Cinotti 2020

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!