Sii una persona, qui: fermati in piedi in riva al fiume,
invoca il gufo. Invoca l’inverno e poi la primavera.
Lascia che ogni stagione che vuol venire faccia il suo richiamo.
Dopo che quel suono è andato, aspetta.

Una bolla sale lenta attraverso la terra
e comincia a includere il cielo, le stelle, lo spazio tutto,
anche il pensiero che velocissimo si espande fuori.
Ritorna e ascolta di nuovo il piccolo suono.

All’improvviso il sogno che stai facendo
si armonizza con gli altrui sogni; il risultato è il mondo.
Se arrivasse un richiamo diverso non ci sarebbe alcun mondo,
né tu, né il fiume, né i richiami dei gufi.

È importante come stai lì in piedi. Come ascolti
la cosa che sta per accadere. Come respiri.

William Stafford

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!