Forse oggi è il tuo giorno buddha?

Capita spesso che i nostri stati mentali diventino una definizione di noi. Sono arrabbiato o sono triste o sono felice non sono più eventi transitori ma una definizione stabile della nostra personalità.

Facendo così permettiamo che siano gli stati mentali a definirci, anziché noi a definire gli stati mentali. “Provo rabbia, la provo nel corpo in questo luogo e con queste caratteristiche percettive. Ha un colore e una tessitura, un movimento o una posizione. Poi cambia e scolora in un altro movimento e in un’altra emozione“. Questa è una delle possibili descrizioni di uno stato mentale ma non è l’etichetta da mettere sopra a noi stessi.

Gli stati mentali sono eventi passeggeri e siamo noi che diamo loro nome: non possiamo permettere che loro definiscano chi siamo. Perchè siamo molto di più.

Così anche il Buddha non è solo una persona esistita: è uno stato mentale accessibile e momentaneo. Che possiamo sperimentare in ogni momento della nostra vita. Richiede solo piena presenza mentale.

Forse oggi è il tuo giorno buddha?

Anche se non lo fosse ricorda: un buddha dormiente risiede dentro di te. Aspetta solo che lo svegli.

Pratica di mindfulness: Meditazione su corpo, respiro, pensieri, suoni

© Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©Nelson Silva

buddha

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!