giocare a nascondinoTutti abbiamo giocato a nascondino. E forse tutti abbiamo visto quella cosa buffa e tenerissima che fanno i bambini piccolissimi quando, chiudono gli occhi, e sono convinti che nessuno li veda più. Perché loro non vedono più nessuno.

Quel gioco è uno dei più importanti della nostra infanzia. E’ persino stato studiato come un modello di apprendimento dei turni di conversazione. Gli psicologi, si sa, approfittano sempre della vita reale.

Noi continuiamo a fare quel gioco quando scegliamo di evitare. Convinti che, se evitiamo, il problema sparirà. Semplicemente perché non lo vediamo più.

Proprio come fanno i bambini quando chiudono gli occhi.

Ma non è vero. Proprio come per i bambini.

E’ solo il predominio di una prospettiva egocentrica che ci fa pensare che evitare i problemi sia una buona soluzione. In realtà i problemi rimangono lì e agiscono, indisturbati. Fino a che superano la massa critica e ci balzano davanti agli occhi, con tutta la loro forza.

Aprire gli occhi e coltivare la presenza, stare di fronte a ciò che c’è – piacevole, spiacevole o neutro – è tutto ciò di cui abbiamo bisogno per trovare soluzioni. Esserci è davvero la strada.

The only way out is down. Alexander Lowen

Pratica del giorno: Grounding

© Nicoletta Cinotti 2015 Mindfulness e bioenergetica

Foto di ©Dino Jasarevic e ©Allemau

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!