In questi giorni il mare è stato mosso. Quando il mare è mosso il pesce non vede l’inganno dell’amo e abbocca più facilmente.

Noi funzioniamo in modo simile. Quando siamo nervosi, agitati, sotto tensione, oppure offuscati è come se il mare delle emozioni fosse mosso.

Non ci accorgiamo degli ami a cui possiamo più facilmente abboccare e così, senza volere – e senza averlo scelto – ci ritroviamo nell’ennesima ripetizione di una situazione, nel solito litigio, nel solito errore.

Pensiamo che il problema sia l’errore. Il problema invece è il mare mosso: se fossimo stati calmi, padroni di noi stessi, ci saremmo accorti del pericolo e avremmo girato alla larga.

Certo ogni pesce ha la sua esca. E anche in questo noi non siamo diversi. Abbiamo le nostre esche preferite alle quali è difficile resistere. Sapere a quali esche corriamo il rischio di abboccare è un bell’aiuto, anche in condizione di mare mosso!

Se hai abboccato questo è un indizio del fatto che hai del lavoro da fare. E solo tu puoi tirarti fuori. Questo è l’atteggiamento di base della meditazione. Pema Chodron

Pratica del giorno: La meditazione del lago

© Nicoletta Cinotti 2022 Mindfulness ed emozioni

 

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!