Ci sono molte cose che rinunciamo a fare per pregiudizio. Perché riteniamo che non saremmo in  grado di farle ad un livello sufficientemente alto o adeguato. Perché inseguiamo una perfezione di azione che ci sgomenta e ci fa desistere prima di iniziare.

Vorremmo essere artisti e, scoprendoci artigiani, preferiamo lasciar perdere.

Eppure il nostro artigianato ha valore: ci permette di portare avanti piccoli progetti con impegno, dedizione e passione. Ci aiuta a trovare strade nuove e soluzioni creative. Ci permette di addestrarci alla padronanza di noi e di sentire soddisfazione per la semplice ragione che abbiamo fatto qualcosa. Non è un’opera d’arte ma farla ci ha dato piacere, ha arricchito la nostra giornata.

Ho fatto pace con il mio essere un’artigiana. Così, quando meditando vago, mi ricordo che vagare non è essere creativi ma distratti.

E quando fantastico tanto cerco di mettere all’opera quelle fantasie, per lasciare che la prova della realtà verifichi la loro bontà.

E ogni giorno mi ricordo che “andare a bottega” ha fatto diventare artisti molti artigiani.

L’autoconsapevolezza rappresenta il potenziale dell’espressione creativa.(…) Più una persona è autoconsapevole e più è creativa, e viceversa. Alexander Lowen 

Pratica di mindfulness: Il panorama della mente

© Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©Gerard Hermand

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!