A volte possiamo pensare alla compassione come ad un grande gesto. In realtà è qualcosa che sta nelle pieghe della nostra giornata. Sta in ogni volta in cui  siamo toccati e tocchiamo un’altra persona, in ogni volta in cui facciamo qualcosa che evita di produrre la nostra sofferenza o quella dell’altro. Sono semplici atti con buona intenzione. Che giorno dopo giorno si accumulano moltiplicando il loro impatto.

In quale modo semplice, oggi, puoi evitare di creare sofferenza per gli altri o per te stesso? In che modo puoi lasciare che piccole gocce di compassione formino un fiume?

Da Dono  di Czeslav Milosz

Un giorno così bello

la nebbia s’è alzata presto

e ho lavorato in giardino

i colibrì si fermavano sui fiori di caprifoglio

non c’era cosa al mondo che volessi possedere

non conoscevo nessuno degno di essere invidiato

qualunque torto avessi subito

l’ho dimenticato…

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!