Non c’è niente di immorale o egoista nel nostro desiderio di felicità, come dice Lowen.

Il problema è che non sappiamo dove cercare una felicità durevole e spesso la identifichiamo con l’avere certi risultati o alcune cose. Il nostro desiderio di felicità è ciò che promuove la nostra crescita e il nostro cambiamento. Trovare un modo per sostenere questo desiderio significa realizzare la nostra vita. Significa dare un senso a ciò che proviamo quotidianamente, momento per momento. Significa tornare al corpo, là dove siamo nati. La bioenergetica e la mindfulness sono la strada che io percorro. Forse possono essere anche la vostra. Nicoletta Cinotti

Dalla Newsletter: Gli Ultimi approfondimenti
Reparenting: autenticità e spontaneità

Reparenting: autenticità e spontaneità

Quando siamo liberi di esprimerci, qualsiasi sia la comunicazione che stiamo dando all'altro, ne ricaviamo una sensazione piacevole e fondamentale: la sensazione di essere sé stessi e di poter essere liberi in questa espressione personale. La piacevolezza di questa...

leggi tutto
Una leggera distanza dal dolore

Una leggera distanza dal dolore

Poco tempo fa mi è capitato di ricordare un episodio della mia infanzia. Era un ricordo delle elementari e forse la ripresa della scuola - in quel periodo dell'anno - aveva contribuito a farlo riemergere. La cosa interessante però non era il ricordo: era la leggera...

leggi tutto

I prossimi corsi

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!