A volte abbiamo la percezione che il nostro cuore sia duro. Niente che corrisponda a qualcosa di visibile. E’ una sensazione interna.

E’ un segnale che ci stiamo proteggendo. Forse il respiro può essere più rapido e superficiale, la bocca serrata, il petto teso.

Non so se questa difesa ci protegge davvero ma certamente ci fa male.

Se ce ne accorgiamo abbiamo la possibilità di scegliere cosa fare, e, forse, cosa non fare.

Pratica del giorno: Addolcire, confortare, aprire                                                                                                                                          

                                                                                         L’acqua è insegnata dalla sete

la terra, dagli oceani disegnata

la pace, dai racconti di battaglia

L’amore da un’impronta di memoria

Gli uccelli dalla neve

Emily Dickynson

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!