dubbioIl dubbio può essere un compagno di strada abbastanza rumoroso ed insistente.

Nasce da un eccessivo coinvolgimento con le nostre incertezze che, anziché essere accolte come opportunità di riflessione, diventano un argomento in se che finisce per bloccare, procrastinare e svalutare le possibili scelte.

A volte è tanto insistente da spingerci ad evitare persino l’esplorazione. Sottovalutiamo quanto può essere forte la paralisi che crea perché, in fondo, lo riteniamo un aspetto di prudenza.

Nasce dalla paura di sbagliare e più profondamente dalla convinzione di non poter imparare dai propri errori. E’ come se ci chiedessimo di fare subito centro.

Confondiamo così il processo della decisione, l’inevitabile presenza dell’incertezza, con un segnale di pericolo e, una volta che l’insegna luminosa della paura è accesa, rimaniamo catturati dall’immobilità della paura.

Una cosa è certa: raramente il dubbio consente di approfondire il problema. Spesso è solo un allargarsi di cerchi concentrici che rimangono sulla superficie.

Per uscire dal dubbio abbiamo bisogno di andare in profondità, di non temere il lato buio del conosciuto, perché spesso è lì che troviamo la risposta.

Regalo del giorno: le parole come cuscini (Piccola raccolta di poesie da usare per conforto e compagnia. Non ci sono controindicazioni!)

Pratica del giorno: La meditazione della montagna

© Nicoletta Cinotti 2014 Meditazione e poesia

 

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!