Quando stiamo di fronte alle cose così come sono, emerge il panorama interiore ad esse collegato. Emozioni, pensieri, sensazioni fisiche compaiono con la loro spinta all’azione, provano a tentarci, a spingerci alla loro direzione di movimento e, infine scompaiono, sostituite da altre sensazioni fisiche ed emotive. Stare di fronte a tutto questo, senza la fretta di correre all’azione, di riparare, aggiustare, dirigere il corso delle cose è il grounding dell’anima, lo stare di fronte a se stessi.

Oggi non dimentichiamo il radicamento nella realtà interna ed esterna, il grounding del corpo e dell’anima.

Le mie radici sono ben salde anche se lontane dalla propria terra.

Le mie radici sono come legni d’ulivo

con le braccia protese

quasi a voler accarezzare la rossa e argillosa terra che li accoglie.

Le mie radici sanno di polvere di tufo

di mandorlo in fiore

di giardini coltivati.

 Alda Merini

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!