In bioenergetica si parla spesso del radicamento a terra, dell’essere in grado di stare nella realtà con presenza, momento per momento. Troppo spesso però si limita questa condizione ad un fatto semplicemente corporeo: essere radicati equivale all’avere i piedi per terra, ad essere fisicamente solidi, ad avere un buon equilibrio fisico.

Questa però è una visione limitata di ciò che significa grounding e di ciò che significa radicamento. Il radicamento è la capacità di essere interamente presenti all’esperienza del momento presente. Significa non avere un’attenzione divisa ma sperimentare presenza in ciò che accade. In questo senso la prima componente del grounding è la consapevolezza, la seconda è l’attenzione, la terza è la flessibilità perché il nostro radicamento non può che essere pronto al mutare delle condizioni esterne. Altrimenti diventa rigidità: fisica e mentale. Per questa ragione mi piace parlare più di mindful bioenergetics che di bioenergetica + mindfulness.

Stanley Keleman è stato uno dei protagonisti della psicologia umanistica e della bioenergestanleyphototica. Un pensatore originale con un approccio personale al corpo. Approccio che ha illustrato nei suoi libri “Il corpo è lo specchio della mente” , “The Human Ground” e “Emotional Anatomy”.

A lui dobbiamo un forte orientamento verso l’importanza dei processi auto-regolativi e di auto-risanamento e auto-riattivazione. Noto per la sua grande intuizione diagnostica Keleman, a chi gli chiedeva il segreto della sua lettura del corpo, era solito rispondere “Guardatevi allo specchio: sentite come respirate, come state in piedi, come state seduti, come vi muovete, come parlate: è tutto lì”.

La distinzione artificiosa tra corpo e mente

Si è creata una distinzione artificiosa tra corpo e mente che si realizza in una separazione del pensiero e delle azioni dalle emozioni. Questo ha prodotto un distacco dalla nostra identità corporea e una confusione tra quello che normalmente intendiamo per Io. Noi intendiamo con Io i processi mentali ma in realtà le nostre emozioni, i nostri pensieri e le nostre azioni sono processi energetici tra loro collegati.

La separazione dal corpo e la disidentificazione con i processi corporei ci spinge a comportarci come secollasso fossimo piante senza radici: perdiamo ogni collegamento con la nostra fonte di sostegno, alimentazione e crescita. Perdiamo il nostro radicamento. Questa perdita si esprime anche negli atteggiamenti del corpo. Quando stiamo in piedi non abbiamo un buon rapporto con la nostra gravità, mentre il desiderio disapprovato o frustrato riduce il nostro senso di dignità.

Il grounding

Il grounding dà un buon fondamento ai nostri desideri e ai nostri bisogni e ci collega alla terra in un processo che è connessione, comunicazione e soddisfazione.

Il processo del grounding ha due dimensioni: il collegamento con la terra, come abbiamo detto poc’anzi, e l’espansione verso il mondo sociale. Infatti è attraverso queste funzioni che il bambino si radica nella realtà interiore e ambientale e getta il ponte tra l’esperienza infantile e quella adulta.

camminare

Ogni interferenza con il nostro radicamento e con la nostra capacità di espansione riaffiora nel modo in cui ci colleghiamo al terreno e si riflette nel nostro aspetto corporeo e nel modo in cui ci inseriamo nell’ambiente sociale, stabilendo rapporti sbagliati con gli altri.

Grounding ed energia

La nostra natura umana, vivente, corporea, si esprime attraverso i processi energetici. Processi di cui spesso non  teniamo conto, come se appartenessimo ad una “specie sui generis”. Per Keleman la differenza principale tra noi e gli altri animali sta nella nostra capacità di approfondire ed intensificare le emozioni e le esperienze che facciamo. Naturalmente se utilizziamo le nostre capacità per inibire o super-controllare questa possibilità di sperimentazione, il risultato sarà una ridotta vitalità e motilità, nonché l’impoverimento delle nostre emozioni e sensazioni.

Ciascuno di noi – dice Keleman – è un processo creativo, duplicativo, trasformativo e generativo di energia che si manifesta volta a volta come desiderio, emozione, immagine, simbolo, gesto, soddisfazione.

Le fasi del processo energetico

Questo processo ha tre fasi: Vibrazione, Pulsazione e Corrente.

La vibrazione è un fenomeno di risonanza simile a quello di un sasso che genera cerchi nell’acqua. Si produce così un continuum di oscillazione che forma un campo di azione e un passaggio di informazioni nel corpo.

La pulsazione è un processo di espansione e contrazione, di intensificazione o riduzione kelemandell’eccitazione che si esprime nell’aspetto sociale del grounding. Se siamo ben radicati possiamo fluire liberamente tra il contatto e il ritiro ed esprimere così nel presente della nostra vita la pulsazione di vicinanza e distanza. Se invece non siamo ben radicati, siamo “costretti” a tenere una posizione immobile – di apertura o ritiro.

La corrente è l’espressione sistematica della nostra pulsazione e definisce la nostra tendenza prevalente e l’organizzazione corporea relativa a questa tendenza. E’ anche questo un processo sia corporeo che sociale. Il processo corporeo riorganizza longitudinalmente il corpo, ma questa corrente è anche azione che si esprime come organizzazione motoria verso il mondo. Una organizzazione motoria che può esprimere un bisogno o un desiderio o una emozione. Le interferenze a questo flusso naturale – corporeo e sociale – provocano angoscia, dubbio, collera o indebolimento del senso di identità.

Questo processo però ha anche la funzione di sviluppare la nostra capacità di contenimento. Ma – come dice Keleman – “il contenimento naturale e funzionale non dovrebbe essere confuso con la contrazione, la possessività e l’attaccamento spastico”.

Una riflessione ancora oggi attuale…

Vuoi provare una sessione di grounding? Eccola.(clicca sulla parola). Se invece vuoi fare una sessione lunga di Mindful Bioenergetics (solo audio) la trovi qui

Questo video è un estratto del corso registrato di Dieci classi di Bioenergetica e Yoga

©nicoletta cinotti

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!