Il gruppo in analisi bioenergetica

Riscoprire una sana relazione con il corpo attraverso la bioenergetica

Viviamo in una rete di relazione, dal concepimento in poi la nostra vita e la vita del nostro corpo si intreccia con quella degli altri.

Come possiamo pensare di uscire dal disagio emotivo senza passare dal corpo? E senza passare da quell’ambiente protetto ma reale del gruppo psicoterapeutico?

In ogni gruppo abbiamo la possibilità di sperimentare com’è entrare in relazione con gli non attraverso il racconto che ne facciamo ma attraverso la nostra esperienza diretta. Un’esperienza che avviene in un contesto protetto, facilitato da regole rispettose di noi stessi e degli altri e condotti da una psicoterapeuta che del lavoro di gruppo ha fatto il tratto distintivo del suo approccio.

Il gruppo è un luogo protetto: un laboratorio esperenziale

Cosa significa protetto? Significa che un gruppo di psicoterapia ha delle regole che garantiscono i partecipanti: anonimato e riservatezza sono le regole basilari. A questo si aggiunge il rispetto dei limiti fisici del proprio corpo. Ogni esercizio di bioenergetica è semplice e riprende i nostri movimenti spontanei ma se abbiamo delle limitazioni fisiche o delle patologie ognuno sarà libero di scegliere se fare certi movimenti oppure no, per rispettare il nostro limite

È per questo che il gruppo è così importante in bioenergetica

Perché il nostro corpo vive e si anima nella relazione con gli altri e tutte le nostre tensioni muscolari sono risposte alla nostra relazione con l’ambiente: se siamo felici ci apriamo e ci protendiamo verso gli altri. Se siamo tristi entriamo nel ritiro e nell’isolamento.
L’amore, come la spiritualità, si fonda sulla capacità di protendersi al di là del proprio Sé. E se il nostro corpo è contratto il nostro desiderio di amare sarà più grande della nostra capacità di farlo e ci troveremo con difficoltà relazionali che ci rendono infelici.

La misura della nostra felicità è disegnata infatti proprio dalla qualità delle nostre relazioni e delle alterne vicende che l’attraversano. Il nostro corpo è un corpo che nasce in relazione e tutta la nostra vita, per quanto possano essere rigidi i nostri confini, si svolge in un contesto relazionale.

Così le difese corporee spesso non sono altro che il disegno delle nostre risposte relazionali. Esplorare con la bioenergetica e la mindfulness relazionale ci permette di comprendere parti della nostra vita relazionale lasciate spesso nell’inconsapevolezza.

Arrendersi all’amore implica la capacità di condividere pienamente il proprio sé con un partner. L’amore non è dare ma essere aperti. Tale apertura deve essere in primo luogo verso se stessi, poi verso l’altro. Ciò implica essere in contatto con i sentimenti più profondi e poi essere capaci di esprimerli in modo appropriato. Alexander Lowen

Il limite morbido e il limite duro

Quando facciamo attenzione al nostro corpo possiamo accorgerci di come il movimento sia essenziale per percepirlo. Se stiamo fermi la percezione si riduce e, in alcuni casi, tende addirittura a scomparire, come se parti intere del corpo non esistessero.

Riprendere la consapevolezza corporea significa però entrare in contatto anche con i nostri limiti fisici e soprattutto scoprire la differenza tra il limite morbido e quello duro.

Il limite morbido è quello in cui il corpo inizia a percepire una certa intensità – che può anche essere piacevole – che amplia la qualità della percezione. sappiamo che potremmo andare oltre – correre più veloci, allungarsi di più – ma quel limite morbido ci permette una maggiore connessione con il piacere del movimento.

Il limite duro è quello in cui il corpo ha raggiunto il massimo di quello che è possibile in quel momento. È possibile che varcarlo significhi farsi male. Perchè arrivare sempre e comunque al limite duro spesso vuol dire volersi punire anziché voler sentire. Inoltre sappiamo che il limite duro fa sentire lo sforzo come esterno mentre il limite morbido come interno e intimo.

La nostra consapevolezza sta tra il limite morbido e il limite duro. Perchè questo spazio ci chiede – come in molti altri momenti della vita – di sentire senza lottare. Riesci a sentire senza lottare?

Protendersi

  In bioenergetica c’è un movimento pulsatorio di base che è protendersi e ritirarsi. È il movimento che sta alla base delle nostre relazioni: quando amiamo – indipendentemente dal grado di intimità relazionale – siamo aperti e protesi. Quando siamo chiusi, indipendentemente dal contesto relazionale in cui ci troviamo le difese emotive sono sostenute dalla contrazione muscolare, dal collasso corporeo o dalla frammentazione. Lavorare in un gruppo permette di riconoscere l’attivarsi di questi aspetti e di lavorare perchè apertura e chiusura siano due momenti fluidi dello scambio relazionale e non diventino posizioni bloccate e ostacolanti la salute fisica ed emotiva

La percezione di sé o la coscienza di sé sono la consapevolezza del corpo nella sua risposta viva e spontanea. Il sé è il corpo che comprende la mente; è il corpo che reagisce indipendentemente dall’Io. Quindi io sono più cosciente di me stesso quando sono affamato, stanco, assonnato, eccitato o quando sento dolore o piacere. Sono meno cosciente di me quando il mio corpo è insensibile e senza risposte. Alexander Lowen

Una breve classe di esercizi bioenergetici

Con Nicoletta Cinotti,

Psicoterapeuta, Didatta della Società italiana di Analisi Bioenergetica

Calendario eventi

Di seguito trovi il calendario dei prossimi eventi su Bioenergetica; per vedere l’elenco completo di tutti gli eventi in programma, vai alla pagina Corsi ed eventi.

La cura del silenzio. Short edition

settembre 28 ore 17:00 - settembre 30 ore 17:00
Giaiette, Borzonasca
La cura del silenzio. Short edition Ritiro di bioenergetica e mindfulness. Tutta l’infelicità deg...

Classi d’esercizi Chiavari Ottobre 2018

ottobre 8 ore 18:00 - 19:00
Centro Studi Chiavari
La classe d’esercizi: mettere insieme mente e corpo “A volte riesce veramente difficile lasc...

L’analisi del carattere 2.0

novembre 10 ore 14:00 - novembre 11 ore 14:00
Studio Grounding
L’analisi del carattere di Wilhelm Reich viene pubblicato per la prima volta nel 1933. Nel 195...