Quando portiamo l’attenzione all’interno possiamo diventare consapevoli di quello che accade e, in quel preciso istante, la consapevolezza apre uno spazio nuovo.

Uno spazio nel quale possiamo accorgerci anche del sorgere delle difese. Portare attenzione e consapevolezza infatti apre ma non elimina l’aspetto reattivo. Ci permette di accorgercene e di non essere trascinati. Ci permette di sentire come ci organizziamo nella nostra difesa. Quali parti del corpo si attivano.

Non ha però il magico effetto di far scomparire tutto questo. Queste sensazioni sorgono e chiedono soccorso. Il soccorso che nasce dal non lottare ma dal rimanere presenti al nostro impulso alla lotta. Il soccorso che nasce dal sentire il rumore della battaglia senza impugnare le armi. Il soccorso che nasce dal non giudicare. Il soccorso che nasce dal provare compassione per quell’imprevisto luogo di vulnerabilità che abbiamo appena scoperto.

Perche é li che arriviamo: arriviamo al luogo della nostra vulnerabilità. Ed é li che possiamo scegliere se voltare le spalle alla nostra vulnerabilità o finalmente sostare nel luogo in cui filtra la luce. La luce delle nostre fratture.

Al di lá di ciò che è giusto o sbagliato c’è un giardino. Ci incontreremo lá. Rumi

Pratica del giorno: La classe del mattino 

@ Nicoletta Cinotti 2017  Le relazioni e il corpo

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!