Amo muovermi. Forse mi definirei addirittura sportiva, anche se non competitiva. Eppure quando ho iniziato a praticare sono stata colpita da un paradosso: semplice ed essenziale. Il fatto di starmene ferma. Anzi provare a starmene ferma perché, il solo fatto di praticare, attivava irrequietezza e movimenti finora mai percepiti.

Eppure nel tempo – a tutto questo movimento sotterraneo – si aggiungevano progressive sfumature di quiete e di non – azione. La non azione che si sperimenta nella pratica è, in un certo senso, molto attiva. Si esplora quello che emerge, si inizia a capire come funzioniamo e si dedica piena attenzione alla fioritura dl momento presente. Così quella non – azione comporta, da un certo punto di vista, un sacco di lavoro. Comporta una discesa nell’intimità con se stessi.

E perché avvenga è necessario farsi trovare dall’attenzione e non scappare sempre in qualche nuova attività. Così nel tempo ho iniziato a gustare quella non azione che mi permetteva di scegliere come agire, più di ogni altra cosa. Fino a questo fine settimana.

Quando sono stata seduta accanto al letto di una persona morente e ho capito un altro aspetto della non – azione: nella nostra vita esiste l’ineluttabile e la morte è solo il più grande degli ineluttabili che incontriamo. Di fronte agli ineluttabili, lottare aumenta solo il dolore e il turbamento. E la non – azione è l’unica azione possibile.

Quando è difficile praticarla vuol dire solo che abbiamo bisogno di una riserva aggiuntiva di compassione: per noi o per gli altri.

Non agire non sottintende indolenza o passività. Al contrario. Occorre grande coraggio ed energia per coltivare il non – agire sia nello stato di quiete sia di attività. (…) Non agire significa semplicemente lasciare che le cose seguano il proprio corso e si svolgano a loro modo. Jon Kabat Zinn

Pratica di mindfulness: Self compassion breathing

© Nicoletta Cinotti 2016 Cambiare diventando se stessi

Foto di ©ted craig

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!