il percorsoMolto spesso mi capita di ascoltare la difficoltà della pratica.

Quella sensazione di irrequietezza, noia, torpore o turbamento che assale, mentre pratichiamo, o che ci fa rinunciare a praticare sostituendolo con qualcosa d’altro.

E’ una forma d’imbarazzo che conosco molto bene: nasce dalla sensazione che guardando dentro, vedremo qualcosa che non ci piace. Qualcosa che è rimasto non ascoltato e che non vorremmo iniziare ad ascoltare.

Ci disabituiamo all’intimità con noi stessi facilmente: basta poco per guardare fuori.

In fondo lo facciamo perché siamo degli esteti e non vorremmo mai vedere qualcosa di brutto che ci riguarda. Pratichiamo l’evitamento come i bambini quando si coprono gli occhi credendo di nascondersi. Con ingenuità.

Dimenticando di offrire soccorso a quelle parti di noi che chiedono aiuto, dimentichiamo anche la trasformazione del bruco in farfalla.

Ci deliziamo nella bellezza della farfalla ma raramente ammettiamo i cambiamenti a cui ha dovuto sottostare per raggiungere quella bellezza. Maya Angelou

Pratica del giorno: Accettare ciò che non vogliamo

© Nicoletta Cinotti 2014 Mindfulness ed emozioni

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!