A volte siamo dei piccoli prestigiatori. Facciamo dei trucchi per non sentire o per sentire solo certe cose.

Alcuni trucchi li impariamo fin da piccoli, per esempio non ascoltare o distrarsi. Altri li perfezioniamo con il tempo.

Cambiare il ritmo è uno dei nostri trucchi migliori. Se acceleriamo tutto viene filtrato dalla velocità e il sentire – troppo delicato – diventa un soffio di sottofondo. Se non rispettiamo il nostro ritmo, lo sforzo prende così tante energie che possiamo evitare di sentire dolore o stanchezza, rabbia o tristezza.

E se oggi seguissimo il nostro ritmo? Oppure se provassimo ad ascoltare gli effetti dell’alterazione del ritmo?

 

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!