Forse tutte le parole hanno un sapore, per alcune più sottile e per altre più esplicito.

Accettare ha avuto, per molto tempo, il sapore poco piacevole del buttar giù qualcosa di non desiderato. Del sentire una sorta di imposizione.

Poi, quasi improvvisamente, mi sono accorta che rifiutare e giudicare avevano lo stesso effetto: separavano anziché unire.

Così accettare ha avuto il sapore del ritornare intera, del non mettere distanza tra me e quello che stavo vivendo. Allora la sfumatura del sapore è cambiata: non era più un amaro boccone ma una esplorazione che mi permetteva di stare nell’energia che ogni emozione e ogni fatto portano con sé.

A volte esploravo l’amarezza, altre volte la spigolosità, altre ancora la paura, altre la sorpresa e la gioia della novità. In ogni caso tenerle dentro, anziché metterle fuori, era davvero nutriente. E mi permetteva di assaggiare il sapore di un’altra parola fino in fondo: essere pienamente presenti.

Il suo consiglio su come entrare in relazione con la paura, con il dolore o l’insostanzialità era di accoglierli, di diventare tutt’uno con essi, anziché dividerci in due, una parte di noi che rifiuta o giudica un’altra parte. Pema Chodron

Pratica di mindfulness: Lavorare con le emozioni

© Nicoletta Cinotti 2015 Mindfulness ed emozioni

Foto di ©mariateresa toledo, ©fabia.lecce

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!