Il sentimento del contatto con la realtà

RAGAZZA_ALLA_FINESTRAridLa vergogna è il sentimento del contatto. Nasce quando entriamo in contatto con la realtà e nell’incontro riceviamo un rifiuto.

Questo essersi aperti, protesi ed essere stati rifiutati – o aver letto come un rifiuto ciò che abbiamo incontrato – produce un veloce ritiro: questo è il dolore della vergogna.

Ma la vergogna non ha solo una componente di bruciante dolore. Rimane la paura di venir nuovamente rifiutati, e un piccolo ritiro preventivo, una memoria del rifiuto che si trasforma in cautela, ansia o timidezza.

E così dolore e paura, variamente uniti tra di loro, diventano un velo nella percezione della realtà. Alla fine quello che temiamo è la realtà nuda e cruda, in tutta la sua semplice verità. La temiamo per quel misto di dolore e paura che si accompagna al rifiuto.

Inizia allora la proliferazione dei pensieri. Nel vano tentativo di rassicurarci, nel costante tentativo di prepararci a vivere.

Nel costante, estenuante tentativo di non sbagliare. Nel costante estenuante tentativo di non venir rifiutati. Mai

Arrendersi al corpo significa lasciar andare quell’immagine ideale di noi che copre e compensa un sottostante sentimento di inferiorità, vergogna e colpa. Alexander Lowen

Pratica del giorno: Protendersi

© Nicoletta Cinotti 2014 Mindfulness ed emozioni

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!