silenzio (2)Quando, lavorando con un paziente incontro un blocco profondo, nella stanza cala un silenzio irreale. Un silenzio che assomiglia ad un buco nero che assorbe l’energia di tutto ciò che sta attorno.

E’ il silenzio del lutto. Il lutto che produciamo quando mettiamo a tacere parti di noi. Questo zittire noi stessi e gli altri è una delle ferite peggiori.

Così diverso dal silenzio della quiete.

Questo è un silenzio assordante.

Allora respiro, rendo dignità a quel profondo dolore e aspetto che riprenda un suono. Il suono del respiro, a volte il suono di lacrime sommesse. A volte le parole di un racconto.

Quelle parole e quel suono riparano quella ferita e le restituiscono vita.

Pratica del giorno: Oggi proviamo ad ascoltare le parti zittite della nostra vita

© Nicoletta Cinotti  2014        Rammendare strappi
La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!