Il tagliaerba s’era spento, in ginocchio ho scoperto
Un riccio incastrato alle lame,
Ucciso. Si trovava nell’erba alta.

Lo avevo già visto, e anche nutrito, una volta.
Ora avevo dilaniato il suo mondo discreto
Senza rimedio. Seppellirlo non serviva:

Il mattino dopo mi sono alzato e il riccio no.
Il primo giorno dopo una morte, la nuova assenza
È sempre lo stesso; dovremmo essere attenti

Uno dell’altro, dovremmo essere gentili
Mentre ancora siamo in tempo.

Philip Larkin (traduzione di Silvia Pio)

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!