Mi capita spesso di sentirmi chiedere di affiancare l’analisi bioenergetica ad una psicoterapia classica, già in corso con un collega di altro orientamento.

La richiesta non mi sorprende per l’infedeltà che presuppone: sappiamo tutti che il tradimento esiste. Anche se non è possibile avere due psicoterapie individuali contemporaneamente, il desiderio di farlo può avere piena cittadinanza.

Non mi sorprende nemmeno l’idea che di più sia meglio: è alla base della nostra cultura. Se uno fa bene, due faranno benissimo.

Infine anche l’idea che se la propria psicoterapia non funziona potrebbe non essere colpa del curante non mi risulta estranea. Meglio pensare di aver incontrato una persona inadeguata alle proprie esigenze che una propria resistenza – o impossibilità – al cambiamento.

Quello che mi sorprende è credere che il matrimonio sia con il pensiero che, proprio come una moglie scoccia, disturba, è imprevedibile ma ci fa fare bella figura in società. E che il corpo sia l’amante, dolce, appassionato e disponibile alla bisogna. Ma non il partner ufficiale.

Il corpo non è un amante: siamo noi.

La profondità e l’intensità dei sentimenti di una persona è espressa nelle reazioni corporee. Ogni esperienza che viviamo risuona nel corpo ed è ricordata nella mente ma se c’è una tensione nel corpo gli impulsi naturali vengono bloccati inconsciamente. Alexander Lowen

Pratica del giorno: Grounding

© Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©Marcelo Fioravanti

 

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!