Mi capita molto spesso di accorgermi della severità che si scatena, dentro ognuno di noi, connessa proprio al semplice fatto di imparare qualcosa.

Siamo lì, di fronte ad una nuova esperienza, e dentro di noi scoppia il finimondo. Continui commenti sulla nostra attenzione, capacità, possibilità di imparare e di continuare a praticare. Disperati tentativi di dirsi “questo lo sapevo già”, “questo non  mi piace” emergono, estremi, per sottrarsi al rischio dell’apprendimento.

Per non parlare poi di quello che succede rispetto alla disciplina. Non la disciplina data dagli altri. La disciplina che chiediamo a noi stessi, per noi stessi. Una specie di rincorsa, un gioco ad ostacoli tra desiderio e opposizione.

Davvero il finimondo.

Deve essere stato proprio difficile imparare. Dobbiamo essere stati davvero maltrattati perché la gioia di questo processo ci faccia, a distanza di tanto tempo, così ansia e paura. Perché imparare sia diventato un braccio di ferro con se stessi, anziché quel gioco che dovrebbe essere. C’è un grande fraintendimento: il punto non è essere perfetti. Il punto è imparare, attraverso gli inevitabili errori. E trasformare ogni errore in un apprendimento.

Il punto non è la regolarità nella vita; il punto è l’esperienza. Chogyam Trungpa

Pratica di mindfulness: Il panorama della mente

© Nicoletta Cinotti 2015

Foto di ©Matteo Bagnoli

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!