consapevolezza

Impedirsi la consapevolezza

A volte siamo sinceramente inconsapevoli ma molte volte facciamo qualcosa di attivo per impedire che la consapevolezza emerga.

Lo facciamo in tanti modi: con la fretta, con il riempire e pressare le nostre giornate di moltissime diverse attività.

Oppure con l’intorpidirci con il computer o con l’alcool. O con il lasciarsi trascinare in mille cose diverse.

Come se vedere chi siamo davvero fosse un pericolo o una minaccia per la nostra incolumità.

Perché, in effetti, tante volte, quando stiamo male, ci consideriamo guasti, rotti, graffiati. Oggetti inutili.

Come se il dolore fosse una colpa o una vergogna. Da coprire e nascondere.

Agli altri. E soprattutto a noi stessi.

Dall’inizio e fino alla fine, puntare al nostro cuore per scoprire cosa è vero non è solo una questione di onestà, ma anche di compassione e rispetto verso quel che vediamo. Pema Chodron

Pratica del giorno: Self compassion breathing

© Nicoletta Cinotti 2014  Aprire la mente

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!