Mentre il desiderio di sicurezza e la brama di ricevere o impossessarsi con la forza di ciò che non è dato liberamente, di essere amati, di appoggiarsi a qualcuno sono strettamente associati con gli aspetti incorporativi della nutrizione, l’atto della defecazione viene collegato alle emozioni del possesso, all’orgoglio di una vittoria raggiunta e alla tendenza del dare e del trattenere. Alcune forme di impulsi ostili (l’aggredire, lo sporcare) sono pure associate con queste funzioni.


La funzione della defecazione

La funzione di defecazione occupa un posto importantissimo nella vita emotiva della primissima infanzia e, come l’ingestione di cibo, si associa nei primordi della vita a peculiari attitudini emotive.

Ogni atto evacuativo è valutato dal bambino come una specie di dono agli adulti, valutazione spesso rafforzata dal grande interesse che la madre dimostra per gli escrementi del bambino.

L’attitudine primordiale del bimbo nei riguardi delle sue feci è di coprofilia. Gli escrementi sono un possesso di valore, una sorgente di piacere, un bene di scambio.

Questo atteggiamento viene inibito dall’educazione e cambiato nel suo opposto: disgusto e disprezzo, che stanno alla base della caratteristica sadica, aggressivo-sporcativa dell’atto della defecazione. Le feci diventano un’arma che sporca e l’atto in se stesso può assumere significato spregiativo. Nella vita successiva queste connessioni scompaiono dalla personalità conscia, ma restano profondamente radicate nella vita emotiva.

Ciò spiega perché la funzione defecatoria si trovi collegata con la sensazione del successo raggiunto, della donazione o dell’agressione ed anche perché l’escremento divenga il simbolo del possesso. Per capire il fondamento psicologico dei disturbi della funzione defecatoria, quali la diarrea o la stipsi, è d’importanza fondamentale conoscere questo sviluppo emotivo. (Alexander-Medicina psicosomatica).

L’addome vulnerabile

intestino e cervello visceraleVulnerabile e privo di protezione, l’addome rappresenta il punto del corpo attraverso il quale vengono espresse le angosce esistenziali e le minacce che gravano sull’uomo da parte del mondo.

Se la testa è la centrale della ragione, il cuore il centro delle emozioni e dei moti affettivi, la pancia è la sede dei sentimenti e dei desideri primitivi, da un lato infantili e dall’altro arcaici.

La pancia è la dispensa del corpo dove si conservano delle provviste materiali.

Immagini maschili e femminili

intestino e cervello visceraleL’uomo che dà retta alla pancia rappresenta il polo opposto dell’intellettuale ascetico, disciplinato, razionale e talora tendente addirittura al fanatismo: costui è l’opposto dell’uomo che si orienta in base alla propria pancia, che vive seguendo le proprie sensazioni, i propri sentimenti e i propri desideri (R.Dalhlke Malattia linguaggio dell’anima ed Mediterranee 1992).

L’intestino tenue

E’ nell’intestino tenue che avviene la scissione del cibo nelle sue componenti e la sua assimilazione. Sorprendente è l’analogia esteriore tra l’intestino tenue e il cervello. Entrambi hanno tra l’altro compiti e funzioni analoghe: il cervello assimila le impressioni sul piano non materiale, l’intestino tenue assimila le impressioni materiali.

I disturbi dell’intestino tenue dovrebbero portare a chiedersi se non si analizza per caso troppo, perché la caratteristica della funzione dell’intestino tenue è appunto l’analisi, la scissione, il dettaglio. Nell’intestino crasso al residuo alimentare viene sottratta acqua, qui rimangono le sostanze che non è stato possibile trasformare ed è il luogo in cui può avvenire la putrefazione.

Come l’intestino tenue corrisponde al pensiero consapevole, analitico, così l’intestino crasso corrisponde all’inconscio, al “mondo inferiore”, al regno dei morti – (T.Dethlefsen, Malattia e destino ). Gli escrementi possono quindi rappresentare i contenuti dell’inconscio.

I significati di stipsi e diarrea

Da qui i significati che si possono attribuire a stipsi e diarrea.

Diarrea: ci si libera dei contenuti introiettati dal mondo esterno senza assimilarli, ci si libera di contenuti inconsci manifestando aggressività e ostilità verso l’ambiente di cui si ha paura e che si vuole sporcare.

Stipsi: non voler dare, voler trattenere mostrando attaccamento alle cose materiali e l’incapacità di donare, è il tentativo d’altra parte di conservare dentro di sé contenuti inconsci repressi.
Se viene risolta la stitichezza del paziente, per analogia possono venire alla luce anche i contenuti inconsci.

© Luisa Merati 2015

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!