Quando eravamo piccoli abbiamo sognato che la felicità sarebbe stata il premio per la nostra vita. Abbiamo pensato che se davamo amore, avremmo ricevuto amore in cambio. Abbiamo pensato che nulla poteva essere più difficile dei giochi – complicati – che facevamo.

Bambino-in-bicicletta.Forse avevamo ragione, forse no.

Amare ed essere amati è il desiderio che, più o meno esplicitamente, tutti cerchiamo di realizzare. Spesso lo consideriamo la chiave della felicità.
Ma il sentimento d’amore, per essere autentico, ha bisogno di una resa al corpo e al Sé. Non di un abbandono della posizione adulta.

Per questo, a volte, nell’amore c’è tanta confusione. Pensiamo che basti tornare bambini per realizzarlo.

E non ci domandiamo quanto le nostre tensioni limitano la nostra capacità d’amare.

(L’uomo) non è consapevole della tensione del suo corpo che restringe la sua capacità di amare.

Ciò che sente è un desiderio di amore, che non equivale alla capacità d’amare. 

Alexander Lowen

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!