Questo esercizio inaugura una nuova stagione: quella della vita all’aria aperta. Ecco perchè oggi scegliamo un esercizio tratto dal libro Mindful Running per aiutare la consapevolezza della schiena: per runner e camminatori!

La colonna vertebrale è il nostro asse portante, attraverso cui la testa si collega al resto del corpo. La potremmo chiamare la “connessione interna”: tra il cervello e il resto del corpo. Questo aspetto determinerà in gran parte la postura durante la corsa e, nella misura in cui la postura condiziona le emozioni, il running avrà un diverso impatto emotivo a seconda di com’è posizionata la nostra schiena.

Come vedi, non è una cosa da poco. Ecco l’esercizio

Senza altri preamboli, preparati a correre. Subito prima di uscire, prenditi un paio di minuti per fare una decina di respiri profondi, osserva come l’aria entra nel naso ed esce piano dalla bocca. Poi, osserva mentalmente la tua schiena: inizia dal coccige (l’ultimo osso della colonna vertebrale) e sali via via verso l’alto, passando per l’osso sacro, le vertebre lombari, le dorsali (o toraciche) e infine le cervicali. Fai con calma. Presta attenzione a tutta la colonna vertebrale. Se lo fai con gli occhi chiusi, potresti avere un’esperienza più consapevole. Nota se ci sono punti di tensione lungo il percorso, qualche fastidio. Non cercare di cambiare niente, prendi atto dello stato attuale, e basta. Accettalo senza giudicarlo, non è né giusto, né sbagliato. Ora chiediti: «Come mi piacerebbe che fosse la mia schiena?». Più flessibile, più agile, meno tesa, più rilassata…, oppure potresti sentire che è già perfetta così. In ogni caso, questo è l’obiettivo mentale che ti proponiamo per la sessione di oggi. Perciò, il mantra di oggi è a metà: lo iniziamo noi e lo finisci tu. La prima parte è: «La mia schiena è…». Completa la frase con un aggettivo a piacere che indichi come vuoi che sia la tua schiena (rilassata, dritta, attiva, flessibile…). Scegli bene perché questo condizionerà la sessione odierna. Ora un ultimo esercizio per prepararti a correre: fai cinque respiri profondi con gli occhi chiusi, inspira dal naso ed espira dalla bocca, mentre ripeti mentalmente il mantra «La mia schiena è… (aggettivo che hai scelto» da Mindful running 
Inizia la lettura gratuita: http://amzn.eu/4QVUs5Q

© www.nicolettacinotti.net Dalla Rubrica Addomesticare pensieri selvatici Photo by Cristina Gottardi on Unsplash
La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!