La consapevolezza e il contatto

Ci sono molti modi per definire la consapevolezza e molti modi per sperimentarla. Per me la consapevolezza è contatto. Contatto, momento per momento, con il mondo interno ed esterno, senza giudicare e senza pretendere di cambiare quello che incontro.

Perché è il rifiuto del contatto che ci fa allontanare dall’esperienza e il rifiuto del contatto che ci fa temere la profondità dell’intimità. Consapevolezza infatti significa essere intimi con l’esperienza. E se abbiamo la possibilità di rimanere in contatto, i confini rigidi che ci definiscono diventano morbidi.

Così il contatto può essere a volte desiderio, a volte paura, a volte eccitazione. Altre amore, compassione o equanimità. Altre volte il contatto è un semplice contatto: sapere che stai toccando. E poi diventa, semplicemente, conoscere, dimorare nell’esperienza con interesse e curiosità.

L’esperienza fondamentale della consapevolezza è contatto e la coscienza che sorge da questo contatto. Non è importante se è la consapevolezza di un pensiero o di qualcosa di esterno come ascoltare qualcuno che parla. Sono sempre me che sperimento questo. E nel punto di contatto svanisce la relazione oggetto/soggetto. Rimane semplicemente “me che conosce“. Gregory Kramer

Pratica di mindfulness: Meditazione su corpo, respiro, pensieri e suoni

© Nicoletta Cinotti 2016 Cambiare diventando se stessi

Foto di ©ro_buk [I’m not there]

 

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!