Spesso durante i ritiri scegliamo degli oggetti di contemplazione che vengono esplorati con la pratica di Insight Dialogue. Una pratica che mira a coltivare la nostra saggezza e la nostra capacità di esplorazione. In previsione del prossimo ritiro mi fa piacere condividere le parole di Gregory Kramer su questo prezioso strumento di pratica.

Ciò di cui parliamo conta. Ciò di cui parliamo è anche ciò a cui pensiamo, e ciò a cui pensiamo è alla radice delle nostre azioni e orienta la nostra vita. Parlare di cose che sono importanti soppesandole a fondo apre la porta della trasformazione dei contenuti esistenti della mente-cuore. Le istruzioni-chiave dell’Insight Dialogue sono Pausa-Rilassa-Apri, Confida nell’emergere, Ascolta in profondità-Di’ la verità. Grazie a questa pratica la mente acquista sensibilità e potenza.

Introdurre un tema in questo ecosistema equivale a piantare un seme in un fertile suolo tropicale. Non ci metterà molto a fiorire in una conversazione carica di frutti. E se scegliamo con cura i temi, il potere della pratica verrà amplificato. I temi sono le contemplazioni dell’Insight Dialogue, il timone che ci permette di governare la rotta nell’oceano della mente condizionata.

Dal punto di vista operativo, una contemplazione dà ai praticanti di Insight Dialogue qualcosa di cui parlare. La si introduce al gruppo appena riemerso dalla pratica silenziosa, poco prima che entri in dialogo, e fornisce un argomento alla meditazione parlata e ascoltata. Nella pratica informale i temi di contemplazione esistono come riflessione di fondo sempre disponibile nel corso della giornata, punto di riferimento che inclina la mente a pensieri benefici.

Invece in ritiro la contemplazione di solito viene indicata con chiarezza e la si riprende di continuo. Ogni tanto però viene offerta in modo generale, con una funzione più di suggestione che non direttiva. Una volta che la meditazione di Insight Dialogue sia ben consolidata, può svilupparsi una pratica proficua anche in assenza di qualsivoglia tema di contemplazione. Tuttavia nella maggior parte delle situazioni di pratica le contemplazioni ci aiutano a raggiungere luoghi che non scopriremmo mai, se a sospingerci fossero solo i venti dell’abitudine.

Quando, nel corso di un ritiro lungo, le contemplazioni si concentrano su un insieme coerente di insegnamenti, possono avere un forte impatto sulle persone, perché contribuiscono a decostruire le configurazioni di pensiero non salutari e facilitano le intuizioni sull’esperienza umana. © Gregory Kramer

Reparenting ourselves. Ritiro dal vivo e home retreat

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!