Mi appassionano le parole e le sfumature che portano con sé. Ci sono parole che sembrano simili ma non lo sono affatto.

Distacco e distanza sembrano simili eppure sono diversi. Nel distacco abbiamo tagliato fuori lo scambio emotivo con il mondo esterno. Nella distanza misuriamo quanto stare vicini e sperimentiamo le diverse sfumature della relazione in rapporto alla distanza che abbiamo dai nostri interlocutori. Ci sono momenti in cui la distanza è minima e momenti in cui abbiamo bisogno di una grande distanza e regolare la distanza spesso è un modo per regolare l’intensità emotiva e l’intimità. Nel distacco invece ci allontaniamo e basta, anche se rimaniamo vicini non siamo più sensibili all’aspetto emotivo della relazione. Ce ne siamo andati anche se siamo uno accanto all’altro.

Tra distacco e distanza c’è la stessa differenza che c’è tra guarire e venire curati. Avere una malattia non sempre significa guarire, sempre chiede di venir curati. A volte lo chiediamo a noi stessi. Altre volte lo chiediamo agli altri perché la nostra cura, da sola, non basta. Ma nel venir curati la distanza non è mai distacco. La cura presuppone un’attenzione e una qualità di affetto anche se avviene nel rapporto medico-paziente. Ci sono medici che curano proprio con il loro atteggiamento prima ancora che con le medicine. E altri che non curano – anche se hanno una competenza eccezionale – proprio perché mancano della qualità di affetto della cura. In entrambi i casi il risultato può essere guarire (e potremmo anche pensare che questa è l’unica cosa che conta) ma se ci siamo sentiti curati quella guarigione avrà un vantaggio in più. Ci avrà insegnato a rapportarci in modo diverso alla nostra malattia, alla nostra invalidità. L’avremo guardata con una qualità di affetto tenendola presente in modo diverso. Perché guarire è affrontare le cose così come sono.

Può essere possibile o meno curarci per una certa malattia o invalidità; ma è sempre possibile guarire. Guarire, in questo senso, significa rapportarci in modo diverso alla nostra malattia, alla nostra invalidità, perfino alla nostra morte, imparando a guardarla con gli occhi della totalità. Guarire è affrontare le cose così come sono. Jon Kabat Zinn

Pratica di mindfulness: La consapevolezza del respiro

© Nicoletta Cinotti 2019 Serata di presentazione del protocollo MBSR a Genova e a Chiavari

Photo by Bonnie Kittle on Unsplash

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!