diventareCredo di aver imparato la filastrocca del diventare prestissimo. Da bambina.

Quando sarò grande diventerò….qualcuno di importante, qualcosa di bello, diventerò saggia, avrò figli, viaggerò.

Ho continuato con questa filastrocca tanto, tantissimo tempo. Spesso era “diventerò migliore”, “cambierò”.

Sarò diversa da come sono e così questo non accadrà più.

Ad un certo punto, non so nemmeno bene come, mi sono accorta che la filastrocca del diventare mi faceva male. Che ero stanca di dirmi, implicitamente, che non andavo bene, che avrei dovuto o potuto, essere diversa.

Mi è sembrata la filastrocca di un inganno: l’inganno di essere migliore e, in realtà, consumarsi in un fare incessante e in una negazione costante di come sono e del presente della mia vita.

Vorrei cantare, ogni giorno, la filastrocca dello stare. La filastrocca del contatto con me e con il mondo. La filastrocca dell’intimità. Con me e con gli altri.

Pratica del giorno: La consapevolezza del respiro

Basta così. Queste poche parole bastano.

Se non queste parole, questo respiro.

Se non questo respiro questo starmene qui seduto.

Questa apertura alla vita

Che abbiamo rifiutato

Sempre e di nuovo. Finora. David White

© Nicoletta Cinotti 2014 Meditazione e poesia

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!