Il ricordo e la memoria non sono esperienze solo mentali. I ricordi hanno la capacità di attivare le stesse emozioni dell’evento e di rimetterci nel clima, anche percettivo, di quello che abbiamo vissuto. E in questo senso nessuna emozione, più della nostalgia, è un buon esempio di come memoria ed emozioni siano collegati.

La nostalgia è un’emozione così forte e intensa che può spingerci a tornare sui nostri passi moltissime volte. Lo sanno bene quelle persone che vivono una relazione difficile, in qualche modo tossica, e non sanno chiuderla. Si lasciano e tornano insieme più e più volte, per la difficoltà di tollerare proprio il sentimento della nostalgia. Magari non viene chiamato nostalgia ma è una sensazione di mancanza e di vuoto che spinge alla ricerca e al tornare alla situazione precedente. Non succede solo con le relazioni: anche lasciare una abitudine può suscitare lo stesso senso di vuoto e mancanza e la stessa qualità di desiderio di tornare come prima.

C’è un equivoco però a questo riguardo, nel quale incorriamo spesso. È quello di credere che più è forte il senso di mancanza – la nostalgia – più valga la pena di tornare indietro. Non è proprio così: quella nostalgia ci parla della dipendenza che abbiamo maturato da quella persona o da quella abitudine non dell’intensità dell’amore. Possiamo avere una dipendenza altissima e non per questo un amore grandissimo. Quella nostalgia è come il canto delle sirene di Ulisse. Suscita un’attrazione che ha in se stessa un inganno: credere che quella sia la soluzione. E invece non lo è. È piuttosto alimentare un circolo di dipendenza e conflitto, di tensione e infelicità.

La nostalgia non è un sentimento da vecchi: è un’emozione seducente che spinge al passato. E ne siamo affetti a tutte le età.

Aspiriamo a trovarci altrove, dove speriamo che la situazione sia migliore, più felice, come preferiremmo che fosse o com’era un tempo. Il più delle volte siamo solo in parte consapevoli di questa tensione interiore, ammesso che non la ignoriamo del tutto. Jon Kabat Zinn

Pratica di mindfulness: Meditazione del lago

© Nicoletta Cinotti 2016 Mindfulness e bioenergetica Foto di ©NoaClick (on-off)

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!