Quando portiamo l’attenzione al corpo, quando apriamo uno spazio di consapevolezza di ciò che ci muove interiormente, si apre, inevitabilmente, una domanda: devo dare o non dare espressione, voce, a quello che sento?

E, soprattutto, quello che sento è una verità comunicabile agli altri? Costruisce o distrugge la mia relazione con gli altri? A volte quello che possiamo dire e comunicare risente fortemente delle passate esperienze, delle situazioni in cui ci siamo sentiti responsabili di aver “rotto” una situazione di equilibrio; contribuito a distruggere un paradiso che adesso ci sembra irrimediabilmente perduto.

La verità è che tutto è soggetto a cambiamento: il piacevole come lo spiacevole. La felicità come il dolore. Se ci è più facile accettarlo per il dolore dobbiamo scendere a patti con il fatto che non sarà diverso per la felicità. Anche quella è soggetta a cambiamento.

La vera domanda a questo punto rimane un’altra: ciò che sento è espressione della mia verità o frutto delle mie difese? Mi porta a crescere o mi mette in una spirale ripetitiva? È il solito disco o è una nota di novità? Purtroppo finiamo per scegliere spesso il solito disco perché, alla fine, la nostra paura più grande è la paura del cambiamento.

La discontinuità con le abitudini del passato è un cambiamento enorme. Gregory Kramer

Pratica del giorno: La classe del mattino

© Nicoletta Cinotti 2017 Le relazioni e il corpo Foto di ©Alf Webb

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

leggi come usiamo i tuoi dati (informativa sulla privacy)

 

Vuoi ricevere

Iscrizione Completata con Successo!