La paura di sbagliare è uno strano stato mentale: abbiamo questa paura anche in situazioni in cui sbagliare non  comporterebbe un grande danno. Oppure in situazioni in cui non possiamo davvero sapere cosa vuol dire sbagliare. Possiamo scoprirlo solo dopo. Eppure è una paura che può portarci grande incertezza e farci rimandare qualsiasi scelta, anche per molto tempo.

È una paura che nasce dalla separazione tra ciò che sentiamo e ciò che pensiamo. I pensieri ci spingerebbero in una direzione e quello che sentiamo in un’altra direzione. E l’unica possibilità che vediamo è scegliere se seguire una strada o l’altra. Consapevoli che, qualunque sia la scelta, una parte di noi rimarrà insoddisfatta.

Il punto però è un altro e sta nella possibilità di imparare, qualunque sia la scelta che facciamo. A volte non ci fidiamo di quello che sentiamo perché sappiamo che le nostre emozioni possono ingannarci. Altre volte non riusciamo a realizzare quello che pensiamo perchè ci fa sentire poco spontanei e autentici. L’unica strada, in questi casi, sembra essere quella di correre un rischio, di rinunciare all’illusione di fare sempre la cosa migliore, avendo, dalla nostra parte, una grande consolazione: possiamo imparare.

È così che diventiamo fedeli all’imparare: perché sappiamo che è l’equivalente del consolarci. Se impariamo nessuno e niente può toglierci il frutto di quello che abbiamo imparato. Imparare mette insieme – anche senza che ce ne accorgiamo – mente ed emozioni perché, quando impariamo, il senso di padronanza che ne ricaviamo ci fa sentire bene. Non è solo il piacere intellettuale di aver appreso: è anche la soddisfazione di averlo fatto.

L‘imparare cammina accanto alla nostra paura di sbagliare. È questa paura che ci rende attenti ma se la facciamo vincere anche imparare diventa impossibile. Ed è in quel punto che diventiamo vecchi: quando smettiamo di imparare.

Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre. Mahatma Gandhi

Pratica del giorno: Protendersi

© Nicoletta Cinotti 2019 Vulnerabili guerrieri: il coraggio nella pratica di mindfulness

Photo by Markus Spiske on Unsplash

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!