Qua e là spuntano i colori degli alberi fioriti. Ciliegi e peschi, forsizie e glicine cominciano a colorare, inaspettatamente, la strada. La primavera ci spinge e richiama a quel desiderio di felicità che nasce dall’essere vivi e presenti nella propria vita. Ce lo ricorda con la fioritura. Ci ricorda che non basta vivere ma ci occorre anche la pienezza, la rotondità della presenza e quel senso di libertà che nasce dalla sensazione di stare realizzando la propria vita.

Così possiamo, come primo atto della giornata, guardare a ciò che abbiamo realizzato, alle parole che volevamo dire e che siamo riusciti a dire, ai saluti che volevamo fare e che siamo riusciti a fare. A tutte le piccole e grandi fioriture della nostra vita. perché ci ricordino la nostra capacità di fiorire e germogliare verso la realizzazione.

Non facciamoci tentare dal dolore di ciò che non è stato. Onoriamolo come un frammento della nostra vita ma riconosciamo che quello che potevamo fare è stato fatto. In questo passo, nel riconoscere ciò che abbiamo realizzato, nutriamo quel sentimento di gratitudine che è il primo alimento delle successive fioriture e la chiave della porta di casa. Quella casa che siamo noi.

Forse essere a casa non è un luogo ma semplicemente una condizione irrevocabile. J. Baldwin

Pratica di mindfulness: La consapevolezza del respiro

© Nicoletta Cinotti 2016 Tornare a casa

Foto di ©MaxSkyMax

La copia di questo contenuto non è consentita

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti alla nostra comunità.

Riceverai per 7 giorni un post quotidiano di pratica.

Poi potrai scegliere se iscriverti alla rivista Con Grazia e Grinta che esce ogni Domenica oppure alla Newsletter quotidiana con spunti di pratica e link a file audio di meditazione

I tuoi dati personali saranno tutelati  nel rispetto della privacy del GDPR e non saranno diffusi ad altri.

Subscribe

* indicates required
Vuoi ricevere
Email Format

Iscrizione Completata con Successo!